La multinazionale Novartis cerca nuovo personale laureato da assumere in Italia

L’azienda svizzera offre opportunità di lavoro in vari profili per assumere nuovo personale a Milano e Origgio

Arrivano nuove opportunità di lavoro nel settore farmaceutico sul nostro territorio nazionale da parte di Novartis, multinazionale farmaceutica con sede in Svizzera che fornisce soluzioni terapeutiche innovative, in grado di far fronte alle esigenze in continua evoluzione dei pazienti di tutto il mondo. Il gruppo svizzero è alla ricerca di un nuovo personale qualificato da assumere a tempo pieno e indeterminato, anche per tirocini, nelle proprie sedi italiane.

Offerte di lavoro Novartis

Al momento l’azienda cerca nuove figure da impiegare in diverse posizioni, che abbiano esperienza pregressa, laurea in Marketing, Economia, materie scientifiche, tecniche o mediche, Biomedicina, Optometria, Scienze Biologiche, Business Administration o altre discipline a carattere chimico/farmaceutico, e buona conoscenza della lingua inglese e italiana.

Nel dettaglio, i profili professionali disponibili in Novartis sono i seguenti:

  • Ophtha OTC Marketing Leader a Origgio (VA)

  • Trade Marketing Manager a Origgio (VA)

  • Medical Science Liaison I&D a Origgio (VA)

  • Advisor Rheumatology Medical a Origgio (VA)

  • Medical Advisor Immunology a Origgio (VA)

  • Informatore Scientifico del Farmaco a Origgio (VA)

  • Vitreoretinal Manager a Milano

  • Cataract Equipment Manager a Milano

  • Cataract Procedure Manager a Milano

  • Pricing Specialist a Milano

Candidatura

Coloro che desiderano lavorare nell’azienda farmaceutica Novartis a Milano o a Origgio, possono candidarsi alle offerte di lavoro attualmente disponibili attraverso la pagina dedicata, dove si possono consultare le posizioni interessate con i relativi dettagli e requisiti, e inviare il proprio Curriculum Vitae con tutti i dati personali necessari.

Visita la sezione Offerte Di Lavoro del nostro sito per conoscere altre offerte disponibili sulle grandi distribuzioni.

Autore dell'articolo: Elisa

Lascia un commento