Offerte di lavoro in Nuova Zelanda con 1000 posti da occupare a Kaitangata

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Assunzioni presso aziende a Kaitangata con il beneficio di acquistare casa o terreno ad un prezzo vantaggioso

Nuove offerte di lavoro in Nuova Zelanda, a Kaitangata, dove il sindaco ha aperto le selezioni con lo scopo di cercare nuovo personale da occupare nei 1000 posti di lavoro messi a disposizione, da assegnare a tutti coloro che sono disposti a lavorare all’estero e a trasferirsi per lavorare nell’isola.

Lavoro in Nuova Zelanda

Nel dettaglio, è stata lanciata una maxi campagna di reclutamento che offre una specie di pacchetto che comprende la possibilità di stabilirsi nell’isola del Pacifico meridionale, acquistando case e terreni a prezzi convenienti. I 1000 posti previsti da coprire saranno concentrati nella cittadina di Kaitangata, un piccolo paradiso che si trova vicino alla costa di South Otago, nella parte meridionale dell’isola. Il vantaggio che i potenziali candidati potranno ottenere, è che sarà possibile acquistare una casa ed un appezzamento di terra al costo di 230mila dollari neozelandesi, circa 147mila €, e ottenere l’assunzione presso le aziende della zona che cercano personale.

Buona parte delle 1000 assunzioni riguardano le industrie primarie, tra cui un impianto di trasformazione lattiero casearia e un’azienda di congelamento, che per molti anni sono state costrette a dover impiegare lavoratori pendolari provenienti da località anche molto distanti, con enormi costi per i trasporti.

Come candidarsi

Coloro che desiderano prendere in considerazione le offerte di lavoro in Nuova Zelanda avendo anche le agevolazioni per l’acquisto di case e terreni, possono ricevere tutte le informazioni all’indirizzo email info@cluthanz.com o collegarsi sul SITO DEDICATO.

Visita la sezione Lavorare All’Estero del nostro sito per conoscere altre offerte disponibili sui lavori all’estero.

Autore dell'articolo: Elisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *