Social Card 2016 Straordinaria: una nuova agevolazione per i disoccupati

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Entro Gennaio sarà attiva la Social Card straordinaria 2016 con pagamento compreso tra 231 e 404 €

Con l’approvazione della legge di stabilità 2016, approvata dal Governo nel CdM del 15 Ottobre e convertita nella legge il 28 dicembre 2015, n. 208, che prevede misure centrate su pensioni, IMU-TASI, diminuzioni IRAP agricola, taglio IRES, rinnovo delle assunzioni agevolate a tempo indeterminato, innalzamento del tetto al contante e sconti fiscali legati al salario di produttività, è stata emanata anche una delle varie agevolazioni sociali a favore di chi non riesce a trovare un posto di lavoro: la Social Card straordinaria 2016 per i disoccupati.

SocialCard Disoccupati Agevolazione

La Social Card 2016, da ai disoccupati il beneficio di ricevere un pagamento compreso tra 231 e 404 € al mese in base al numero di componenti nel nucleo famigliare ed al reddito ISEE. Si presenta come una carta prepagata ricaricabile del circuito Mastercard, quindi utilizzabile per i pagamenti POS e per prelevare il denaro caricato dagli ATM di poste italiane. Inoltre con la Social Card 2016 è possibile anche pagare le bollette di casa, effettuare acquisti nei negozi convenzionati e per molti altri servizi, e viene fornita dall’INPS e dal Comune di residenza, sempre se ci siano i fondi e la possibilità di effettuare la domanda.

L’importo mensile della Social Card 2016 viene fornito per 12 mesi in base al numero di componenti del nucleo famigliare, ed è di 231 € per famiglie di 2 membri, 281 € per famiglie di 3 membri, 331 € per famiglie di 4 membri, 404 € per famiglie con più di 5 membri. La carta viene consegnata al domicilio del titolare dal Comune e viene caricata dall’INPS ogni due mesi.

Dal 2015 si può effettuare la domanda della Social Card nelle seguenti regioni: Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Abruzzo, Molise, Campania e nelle città come Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia e Verona.

Requisiti Necessari

Per poter usufruire della Social Card 2016 , è importante sapere che non è richiesta la presenza nel nucleo famigliare di persone con oltre 65 anni o di bambini sotto i 3 anni, in tali casi è disponibile la Social Card Ordinaria, ed è necessario possedere i seguenti requisiti:

  • Nella famiglia deve essere presente almeno un minore di 18 anni
  • Ci deve essere almeno un membro della famiglia in età da lavoro tra 15 e 66 anni disoccupato, che abbia perso il lavoro negli ultimi 36 mesi, ma in alternativa uno o più membri con contratto di lavoro dipendente o flessibile il cui reddito totale nei sei mesi precedenti la domanda non abbia superato i 4.000 €
  • Essere cittadini italiani o comunitari europei o extracomunitari con permesso di soggiorno
  • Richiedere da almeno un anno nel Comune in cui si fa domanda
  • Avere reddito ISEE non oltre i 3.000 €, un patrimonio mobiliare ISEE che non superi gli 8.000 €
  • Non ricevere più di 6.000 € al mese di guadagno come pensioni o altro di natura previdenziale o assistenziale
  • Non possedere un autoveicolo immatricolato nel 2015 o con oltre i 1300 cc
  • Non possedere una moto con oltre i 250 cc immatricolata negli ultimi tre anni
  • Il valore della propria proprietà non deve superare i 30.000 €

Come presentare la domanda

Non è ancora possibile, in tutte le città italiane, effettuare la domanda per attivare la Social Card 2016 per i disoccupati, ma dovrebbe entrare in vigore a partire da Gennaio 2016, sarà l’INPS ad informare del giorno esatto dell’uscita, e sarà offerta a tutti colore che ne avranno bisogno, che rientreranno tra i candidati e che supereranno tutti i requisiti richiesti.

Nella domanda della Social Card dovranno essere indicati tramite autocertificazione i seguenti dati: residenza, cittadinanza, stato di famiglia, assenza di lavoro, trattamenti economici, autoveicoli, motoveicoli di proprietà e disagio abitativo, e i seguenti documenti: copia fronte/retro documento d’identità, codice fiscale/tessera sanitaria, copia del permesso di soggiorno in caso di extracomunitari, eventuale certificato stato di gravidanza e data presunta del parto, modello di richiesta carta acquisti fornito dall’ufficio postale e modello ISEE 2016.

Autore dell'articolo: Elisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *