Università Bocconi Milano: candidature aperte al concorso per due Assistenti ai Professori

L’Università apre due concorsi per selezionare due Assistant Professor da assumere in due settori a tempo determinato

L’Università Commerciale “Luigi Bocconi” di Milano ha indetto due concorsi pubblici finalizzati alla selezione di due Assistant Professor, ovvero Assistenti ai Professori, da assumere con contratto di lavoro a tempo determinato a Milano e da inserire nel settore “scienza politica/storia delle relazioni internazionali” e nel settore “economia aziendale”.

Nello specifico i concorsi prevedono assunzioni della durata di 3 anni, eventualmente rinnovabili fino per un biennio e infine per un ulteriore triennio (3+2+3), a partire dal 1° settembre 2018, presso il Dipartimento di Marketing, settore disciplinare di Analisi delle Politiche e Management Pubblico.

Requisiti richiesti

È possibile partecipare ai concorsi se i candidati sono in possesso dei seguenti requisiti:

  • Titolo di Dottore di ricerca o PdD o equivalente, o possibile conseguimento in quanto candidati Ph.D.
  • Non essere stati assunti a tempo indeterminato come professori o ricercatori universitari, anche se cessati dal servizio
  • Non essere parenti o affini, fino al quarto grado compreso, di professori appartenenti al Dipartimento di riferimento, del Rettore, del Direttore Generale o di un componente del Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo

Come candidarsi

Gli interessati potranno candidarsi ai concorsi per Assistenti ai Professori presso l’Università Bocconi di Milano entro il 7 gennaio 2018 compilando e inviando la domanda di partecipazione tramite la procedura online dove è possibile candidarsi alla posizione interessata e conoscere tutti i relativi dettagli.

Per ulteriori informazioni sui concorsi è possibile consultare i bandi:

  • Bando per Assistente professore economia aziendale
  • Bando per Assistente professore scienza politica

 

Visita la sezione Concorsi del nostro sito per conoscere altri concorsi disponibili.

Autore dell'articolo: Elisa

Lascia un commento